Musei ruggenti. I casi di Ducati, Lamborghini e Ferrari

Su E/C, rivista online dell’Associazione Italiana di Studi Semiotici, è stato da poco pubblicato l’articolo che vi proponiamo in allegato qui in fondo: si tratta di un estratto della tesi di laurea magistrale in Semiotica di Alice Felicani, co-fondatrice e curatrice editoriale del nostro blog.

Nel suo elaborato, Alice si è occupata di analizzare tre spazi: i musei aziendali di Ducati, Lamborghini e Ferrari; ha indagato le scelte espositive e architettoniche, gli oggetti e la loro disposizione, arrivando a individuare una prevalente magnificazione di valori come storia, tecnica e successi delle aziende, sebbene attraverso declinazioni e manifestazioni differenti.

Abbiamo pensato di condividere con voi questo piccolo, grande risultato. A proposito: vi è capitato di visitare uno di questi musei, o un qualsiasi altro museo aziendale? Quali sono le vostre considerazioni (semiotiche e non) in merito?

Buona lettura (clicca sull’immagine qui sotto per visualizzare il pdf) e largo ai commenti 🙂

musei ruggenti

Annunci

Una risposta a “Musei ruggenti. I casi di Ducati, Lamborghini e Ferrari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...