Voglio vederti mangiare. Intorno alla pornografia del cibo

Continuo a parlare di cibo e Internet.

Questa volta, però, la protagonista è una trentaquattrenne sud-coreana che guadagna circa 9 mila dollari al mese. Nel suo Paese è conosciuta come “The Diva” e il suo lavoro consiste nel collegarsi a una webcam e mangiare davanti ai suoi followers.

La “mangiatrice” in questione è Park Seo-yeon, attrice che, davanti all’obiettivo, prepara numerose portate, salate e dolci, si siede a tavola, chatta e parla con i suoi commensali virtuali. Questi, per ringraziarla dello spettacolo, le mandano doni altrettanto virtuali: i cosiddetti “balloon”, la variante coreana dei Bitcoins, che si convertono in Won nel suo conto in banca.

I suoi pasti sono talmente lunghi da tenerla davanti alla telecamera anche per sette ore di fila, mentre conversa e ringrazia i suoi spettatori.

L’aspetto gioca un ruolo importante: a volte truccata come se dovesse andare a una serata di gala, altre come se fosse appena tornata da una giornata di lavoro, la Diva consuma voracemente e con trasporto le sue pietanze, mescolando tutto con bibite gassate e sollecitando la sensibilità dell’utente attraverso l’eroticizzazione della visione. Non c’è nessuna colonna sonora, solo il rumore del suo masticare e del suo bere. Tutto sotto gli occhi di una decina di migliaia di coreani che, a leggere i commenti, risultano parecchio compiaciuti.

In questo caso, il confronto interattanziale è logicamente tra la protagonista delle clip e il suo pubblico che la osserva mangiare: questo apre le porte a molteplici riflessioni sul cibo come pornografia e sul voyerismo digitale.

Per prima cosa, è utile riprendere le riflessioni di Landowski che in La società riflessa analizza le posizioni attanziali all’interno di un’interazione sociale. Il semiologo francese usa spesso la metafora dei «giochi ottici» per spiegare il valore sociale del vedere e dell’essere visto.

Perché anche per So-yeon, di gioco si tratta. Lei ha abbandonato il suo lavoro per dedicarsi interamente alle abbuffate, ma la sua rimane comunque un’attività legata all’entertainment, alla sfera del ludico.

Quadrato Landowski

Questo è lo schema landoskiano che nel primo termine rappresenta l’esibizionismo, mentre per il pubblico risulta più corretto utilizzare il quadrato semiotico che nel primo termine offre l’articolarsi del voyerismo:

Quadrato Landowski 1

Prendendo in considerazione i primi termini a sinistra di ogni quadrato, notiamo come tra Park Seo-veon e il suo pubblico si ponga un “mutuo interesse” che è tipico, per Landowski, della società dello spettacolo: mostrare se stessi in ambienti e contesti quotidiani mentre si “vive”, con un pubblico comodamente seduto in poltrona che si gode (in questo caso anche con libido) la scena.

Come lei, in Corea del sud – Paese con più alto tasso di single (il Sole24ore parla di un 25,3% della popolazione nel 2012; destinato a diventare 32,7% nel 2030) – i food blogger che mangiano in streaming, facendo compagnia ai commensali solitari, sono 3500.

Un altro dato interessante riguarda il genere del suo pubblico: il 60% sono donne a stretto regime dietetico. Questo suo continuo ingozzarsi senza ingrassare, desiderio tormentato di molte sue followers, l’ha fatta diventare un riferimento, un modello. Una super eroina di massa: tante vorrebbero essere come lei, avere il suo “metabolismo fortunato”.

Un ruolo predominante è ricoperto dallo schermo del computer che proietta l’immagine “al di fuori del testo”, prendendo forma nei luoghi d’azione degli spettatori e generando una spazialità esterna, pubblica ma esclusiva al tempo stesso.

Poi, davanti allo schermo si costituisce un’altra soggettività: una soggettività virtualizzata, non reale, fatta di braccia, sushi e bacchette, che mentre mangiano assecondano la ricerca di un corpo che, in un gesto quotidiano, si eroticizza e diventa oggetto di sesso esposto in vetrina, facile da acquistare e consumare.

Mario Panico

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...